Le 7 cose da non perdere alle Isole Eolie in catamarano

Circondate dalle più belle sfumature del Mar Tirreno, le Isole Eolie continuano ad incantare il mondo. Queste isole di origine vulcanica offrono splendidi paesaggi all’insegna del blu intenso del mare e del verde rigoglioso delle colline.
L’arcipelago delle Eolie si compone di sette isole, due delle quali presentano vulcani ancora attivi e da ammirare durante delle interessanti escursioni.

Un viaggio alle Isole Eolie in catamarano è un’occasione per trascorrere delle rilassanti giornate vivendo appieno l’essenza del mare e passando comodamente da un’isola all’altra. Scoprite le 7 cose da non perdere in queste 7 splendide isole insieme alla più grande società di charter delle Isole Eolie, Spartivento: dal 2001, è presente al Marina di Portorosa e al Marina di Capo D’Orlando con oltre 50 imbarcazioni, tra monoscafi Beneteau e Jeanneau e catamarani Lagoon di ultimissima generazione (l’età media della loro flotta è di 2 anni). Con un totale di 75 barche, Spartivento è la più grande società di charter del sud Italia, una garanzia di qualità per chi desidera navigare nei meravigliosi mari italiani, e partner fidato di Globe Sailor.

1. Stromboli: il vulcano

Stromboli è una delle due isole che ospita un vulcano ancora attivo e che offre scenari naturalistici di indubbio fascino. Sull’isola non ci sono tantissimi locali e anche l’illuminazione delle strade è appositamente mantenuta più fioca per preservare l’atmosfera ancestrale e anche un po’ misteriosa del luogo.
Ovviamente, l’attrazione principale di Stromboli è il suo vulcano che è possibile visitare attraverso dei percorsi escursionistici resi ancora più emozionanti dalle spiegazioni delle guide vulcanologiche.
Piacevole da visitare è anche Ginostra, un piccolo borgo che si trova lungo il versante ovest dell’isola, raggiungibile solo dal mare e che si rivela come una tappa obbligatoria delle gite con barche a vela alle Isole Eolie.

2. Panarea: la vita notturna

Panarea è l’isola più vivace dell’arcipelago siciliano, sebbene sia la più piccola. Qui sono concentrati locali, pub, ristoranti e discoteche che attirano tantissimi turisti famosi e non, specialmente durante la bella stagione.
Tuttavia, Panarea non è solo movida, ma anche natura selvaggia e mare favoloso; basti pensare infatti a luoghi come le spiagge della Calcarea e le sue fumarole, Punta del Corvo, l’insenatura discreta di Cala Junco e Cala degli Zimmari con le sue baie di origine lavica.

3. Lipari: le cave di pomice

Lipari è l’isola più grande e popolata dell’arcipelago e in genere è una meta gettonata anche per moltissime barche a vela alle Isole Eolie. Si tratta di una località con un’offerta turistica completa, dato che offre sia spiagge da sogno che punti di interesse storico e culturale.
I punti migliori per godersi il relax del mare sono le spiagge di Acquacalda, Papesca, Porticello, Vinci e Valle Muria; si tratta di spiagge e calette lambite da acque azzurre e particolarmente limpide.
L’entroterra di Lipari invece offre anche a possibilità di conoscere un po’ del suo passato storico attraverso luoghi come il Castello, il Museo Archeologico Eoliano e la Cattedrale di San Bartolomeo.

4. Salina: i wine testing

Isola discreta e appartata, Salina si contraddistingue da una ricca natura rigogliosa, tanto che viene definita anche come “isola verde”.
L’isola deve il suo nome alla presenza di un laghetto di acqua salmastra, utilizzo in passato appunto come una salina. Il territorio ospita i borghi di Santa Marina, Leni e Malfa, ognuno dei quali contraddistinto da luoghi affascinanti e punti di ritrovo di notevole interesse. Sull’isola di Salina inoltre è possibile visitare i luoghi in cui è stato girato nel 1994 il film Il Postino, come le grotte scavate nel tufo e la casa rosa di Pablo Neruda. Troverete diverse cantine celebri che coltivano qui la malvasia, perciò non perdetevi un ottimo aperitivo a base di ottimo vino siciliano con una splendida vista.

5. Vulcano: la spiaggia nera

Nota per ospitare l’altro dei vulcani ancora attivi delle Isole Eolie, Vulcano è ha un passato antico e selvaggio. L’isola è nota per le sorgenti termali, come la Pozza dei Fanghi, benefici per problemi articolari e infiammazioni varie, e i luoghi di relax come le spiagge di sabbia nera di Gelso e Porto di Ponente; occasione di scoperta del territorio è l’ascesa al Gran Cratere del vulcano. Di particolare fascino è la Valle dei Mostri di Vulcanello con le sue curiose formazioni lasciate dalla lava.

6. Filicudi

Filicudi è l’isola in cui la natura delle Eolie si mostra più rigogliosa che mai; infatti, si tratta dell’isola prediletta per gli amanti della tranquillità assoluta e dei paesaggi incontaminati. La costa si caratterizza da scogliere e faraglioni, mentre l’entroterra è un susseguirsi di vegetazione, borghi e promontori. Da non perdere sono il paese fantasma di Zucco Grande e il belvedere di Stimpagnato.

7. Alicudi: la natura incontaminata

Si tratta di una piccola isola ottima da vedere con delle gite in barche a vela alle Isole Eolie e che ospita pochi abitanti con solo una chiesa, un ufficio postale, un albergo e due negozi di alimentari. Se l’estate è il momento migliore per vivere le Eolie, in questo caso la primavera e l’autunno sono i periodi adatti per conoscere Alicudi e i suoi paesaggi.

Visita le isole Eolie con Spartivento, la più grande flotta di barche a vela e catamarani in charter del sud Italia, e scopri tutte le meraviglie che questo incredibile patrimonio italiano ha da offrire.

Per altri articoli sulla Sicilia e le sue bellezze clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *