Vedi Napoli e poi…

Scoprirai una città splendida, intensa e piena di paradossi che travolge a tal punto che dopo Napoli non può esserci nient’altro. Vederla via mare, veleggiare lungo le sue coste o scoprire isola dopo isola il suo Golfo è un’esperienza unica. Vi proponiamo due itinerari che partono da Napoli, il primo verso Procida, Ischia e Capri per poi proseguire verso Amalfi, il secondo invece verso le Pontine.

image

Primo Itinerario: Potete noleggiare una barca nel porto di Napoli, ci sono diversi marina come Darsena Acton, Mergellina, Pozzuoli oppure vicino a Napoli, quella di Castellammare di Stabia e veleggiare per circa 12 miglia verso la vicina Procida. Procida è famosa per le sue coste basse e sabbiose, e per le diverse baie dove è possibile stare in rada. Il porto della Chiaiolella, è il porto più conosciuto tra i diportisti; attraversando un ponte si accede poi all’isolotto di Vivara, Riserva Naturale che si trova di fronte alla spiaggia del Cirraciello. Da Procida potete fare rotta verso la vicina Ischia, a due miglia di distanza, per poi proseguire il giorno seguente verso la famosa Capri. Da qui potete decidere se proseguire verso Salerno e la costa amalfitana a circa 16 miglia oppure proseguire verso Sorrento e tornare a Napoli.  In entrambi i casi potete visitare le meraviglie di questo Golfo e godervi il paesaggio ma anche l’ottima cucina:)

Secondo itinerario: Se avete noleggiato una barca per una settimana potete anche partire da Napoli e far rotta verso le Pontine; andate diretti verso Ischia a circa 14 miglia da Napoli e proseguite poi verso Ventotene a 19 miglia da Ischia. Ventotene è un luogo magico dove potete ormeggiare per una notte e visitare a piedi. L’isola è piccola e accogliente. Il giorno seguente potete ripartire e far rotta verso Ponza, la più nota delle isole. Ponza poi vista via mare è splendida, e ci sono diverse baie dove mettersi in rada. Potete visitare Cala Felci o a Cala Fonte, nota per i suoi splendidi fondali e le incredibili grotte o raggiungere le grotte di Pilaro, i faraglioni della Madonna e il faro di Punta della Guardia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *