Vacanze in barca a vela nella Croazia del Nord

La Croazia mi piomba addosso come un fulmine a ciel sereno. E’ Agosto, è la prima volta che non ho ancora prenotato nulla per le mie vacanze estive. Il caldo in città è insopportabile, urge una vacanza in barca a vela last minute. Penso ad una meta vicina all’Italia e subito mi viene in mente la Croazia del Nord, in particolare l’Istria e le Isole del Quarnaro.

Il piano è deciso.

In questo articolo, ti racconterò della mia crociera in barca a vela lungo le coste Istriane fino alle Isole del Quarnaro. Mano al portolano ed iniziamo la nostra navigazione!

Per noleggiare la tua barca a vela, puoi scegliere moltissime location su Globesailor e ricevere tutte le info utili riguardo al noleggio barche.

Oggi partirò dalla città di Rovigno.

ROVIGNO (ROVINJ)

Arrivo in questa meravigliosa cittadina, tempo piccolo borgo di pescatori e ora accogliente centro turistico. Mi concedo una passeggiata a piedi fra i piccoli viali colorati, sormontati dalla Statua di Sant’Eufemia, la quale dall’alto del suo campanile segna la direzione del vento. A questo proposito apro una parentesi sul noto catabatico presente in zona: la Bora.

Questo vento ha diversi nomi, spira da Nord Est battendo tutto l’alto Adriatico. Dovrai porre particolare attenzione, poiché può essere molto violento. Il bello della Bora però, è che viene preannunciata con largo anticipo; questo ti permetterà di programmare la tua vacanza in barca a vela per tempo.

Nel primissimo pomeriggio metto già la prua al mare, sono velista mica per niente!

PARCO NAZIONALE DELL’ARCIPELAGO BRIONI (BRIJUNI NATIONAL PARK)

Composto da 14 Isolette, questo arcipelago ha avuto molteplici funzioni.

Cava, area militare, luogo di villeggiatura per ricchi industriali europei; per ultimo queste isole sono state la residenza estiva di Tito, il quale, essendo amante di animali esotici, ha creato su di essa un mini safari.

Un tempo il Parco del Brioni è stato visitabile gratuitamente anche in barca, ora bisogna pagare una tassa, ma senza perdermi in burocrazia, clicca qui, troverai tutte le info necessarie.

Curiosità: oltre ad aver ospitato un’aristocratica villa romana del 100 a.C., nonché moltissime celebrità e figure di spicco, come Sofia Loren o la Principessa di Monaco, su queste isole hanno vissuto anche i dinosauri, dei quali potrai trovare centinaia di impronte!

ISOLA UNIE (UNIJE ISLAND)

Durante le mie vacanze in barca a vela non mancheranno mai aree sperdute e poco battute dal turismo di massa.

Questa piccola isola durante l’inverno conta meno di 100 abitanti. Tutto ciò ha naturalmente un prezzo, il piccolo porticciolo non è per nulla riparato e il canale può essere burrascoso, in ogni caso puoi ancorare nei piccoli fiordi sul lato est dell’isola.

Quando sono stata sull’isola non erano presenti automobili, ma solo un piccolo bus e qualche motocicletta.

Non vi sorgono hotel e strutture turistiche, quindi per gli amanti della pace, della natura e del gusto delle cose semplici, questa piccola oasi può essere un vero paradiso.

Qui il frenetico ritmo metropolitano sembra non essere mai esistito al mondo ed il tempo sembra essersi fermato.

ISOLA DI CHERSO (CRES ISLAND)

Continuiamo il nostro dolce navigare verso l’Isola di Cherso.

Questa è la seconda isola più Grande di tutta la Croazia, dopo la più cosmopolita Krk (Isola di Veglia).

Nonostante ciò è rimasta abbastanza incontaminata e la popolazione si occupa prevalentemente di pastorizia. Le principali cittadine sul mare sono caratterizzate dallo stile veneziano, come tutte le Isole del Quarnaro.

L’Isola non manca di meravigliose rade e non abbisogna che ti annoi con le sfumature turchese, blu e verde che ne caratterizzano le acque, lascerò che tu le possa scoprire navigando tra queste coste frastagliate.

Ricorda però che una peculiarità di quasi tutte le Isole Croate, è quella di essere molto brulle e battute dal vento sulle coste orientali, mentre risultano più verdi, rigogliose e protette su quelle occidentali.

Qualora tu riesca a fermarti, ti consiglio di visitare la cittadina di Lubenice, piccolo borgo medievale ormai quasi abbandonato a picco su una delle baie più belle dell’isola. Qui potrai farti raccontare da qualche vecchina locale, le storie di fate e antichi castelli sommersi nel lago di Cres.

Se sei amante dello snorkeling, nei pressi della spiaggia sotto Lubenice, troverai anche Plava Grota, un sistema di grotte azzurre visitabili liberamente.

Esplorando ancora più in profondità, non puoi perderti il borgo di Beli. Qui si trova il rifugio della star della fauna isolana: il Grifone.

Pensa che questo splendido animale durante i suoi primi cinque anni di vita, parte per un’avventura che lo porterà a girovagare per il mondo. Vola fino in Africa ed in Asia, dopodiché fa ritorno a casa per metter su famiglia e continuare a vivere sull’isola di Cherso.

ISOLA DI LUSSINO (LOSINJ)

Lussino, un po’ più turistica della precedente Cres, ma altrettanto generosa per quanto riguarda natura e paesaggi.

Può essere una buona base di partenza per noleggiare la tua barca a vela in Croazia.

Lussino formava un’unica isola con Cres. I romani scavarono un canale navigabile per poter creare un passaggio più breve a fini commerciali.

Al giorno d’oggi Lussino è collegata a Cres tramite un ponte nei pressi di Ossero.

Ricorda che il ponte viene aperto solamente due volte al giorno, quindi se vuoi passare di qui informati sugli orari aggiornati.

L’isola è più verde rispetto alle precedenti e, a mio avviso, la zona più interessante nella quale navigare è a sud est. Meritevolissimi gli isolotti di Oruda (Isola dell’amore) e Orijule (Isola di Robinson).

Personalmente sorvolerei su Mali Losinji (Lussino Piccola), la cittadina principale nonostante Mali significhi piccola; non fraintendermi, è molto carina e se hai voglia di bere una birra ghiacciata di fronte ad uno spettacolo in piazza, questo è il posto ideale, ma, come ti ho già confessato, sono una velista sfegatata e il mio amore tende più verso la natura e le cale incontaminate!

Il mio paesino preferito è la più piccola Veli Losinj (Lussin Grande), un piccolo borgo di pescatori leggermente più a sud di Mali Losinji.

Le strutture color pastello in questa piccola insenatura, mi hanno ricordato molto i borghi della Liguria di Levante.

ISOLA DI VEGLIA (KRK ISLAND)

Krk è la più grande Isola di tutto l’Adriatico, è collegata alla terra ferma da un ponte ed è l’Isola Croata più facilmente raggiungibile dall’Italia, nonché dalla terra ferma. Alquanto numerose le opzioni di noleggio barche a vela da Krk sul sito Globesailor.

In quanto tale è anche ahimè la più frequentata. L’Isola abbonda di strutture turistiche ed attività notturne.

In quanto a natura non mancano cale nascoste, oltre a flora e fauna rigogliose. Il mio personale consiglio è di sceglierla come base di partenza per la tua crociera in barca a vela, ma di salpare verso il resto delle mete più riservate e meno battute dal turismo massiccio.

Ottimo luogo per rifornire la barca di acqua, carburante e fare cambusa.

ARBE (RAB ISLAND)

Navigando in un blu profondo, accompagnati dai delfini che accarezzano la prua della nostra barca, scorgiamo in lontananza una rocca impenetrabile.

Il profilo del borgo è caratterizzato da quattro campanili e ti sembrerà quasi di avvistare un antico veliero.

Siamo arrivati sull’Isola di Rab, devo ammettere, la mia preferita in assoluto!

Noi fortunati che arriveremo dal mare con la nostra barca a vela a noleggio, potremmo ammirare la perfetta armonia fra natura e architettura dell’omonima capitale. A Rab città troverai sia un Marina che la banchina pubblica, consulta bene il portolano per le regolamentazioni e l’avvicinamento.

Il profumo e i colori di questa città sono inebrianti. Le piccole vie, le piazze e le piazzette, la pietra bianca adornata dalle bouganville, creano un ambiente magico.

Devi assolutamente scendere le scale lungo le mura della fortezza e fare una passeggiata sul lungo mare affiancato da gigantesche agavi.

Il RESTO DELL’ISOLA

Il resto dell’Isola di Rab è bella quanto la sua capitale, non a caso viene chiamata la Perla dell’Adriatico.

Questa Isola vanta una varietà paesaggistica incredibile; nell’area di Lopar potrai trovare lunghissime spiagge bianche. Sul lato Est di Arbe vi sono magnifici fiordi incastonati di fossili risalenti a milioni di anni fa.

La mia parte preferita è sicuramente la penisola a Nord Ovest, il parco di Kalifront. Qui le insenature sono infinite e il contrasto fra il blu intenso del mare e le foreste di pini che arrivano a sfiorarlo, sono uno spettacolo davvero suggestivo.

Se ti trovi ad Arbe nel periodo di giugno non perderti la Rapska Fjera, un festival medievale dove gli Isolani raccontano la loro storia e le loro tradizioni, tramite ricostruzioni storiche in costume, gare di tiro con l’arco e prove di cavalleria.

Curiosità: l’Isola di Rab è conosciuta anche per avere numerose spiagge naturiste. Si dice che lo sdoganamento ufficiale del nudismo abbia avuto luogo l’11 Agosto 1936, grazie a due ospiti di eccezione: Edoardo VIII (re britannico) e la sua futura consorte Wallis Simpson.

I due entrano in mare completamente nudi, così il bagno della coppia ufficializzò la pratica del naturismo, comunque già in uso sull’isola, che si diffuse poi per tutta la Croazia.

La Croazia del Quarnaro è stata per me una scoperta unica.

Questo viaggio ha toccato tutti i cinque sensi. L’essenza dei pini, dell’alloro e del rosmarino, il profumo della legna sul fuoco proveniente dalle tante taverne, le mille sfumature di blu dell’acqua, in contrasto col verde intenso delle foreste di pini, il suono delle onde che si infrangono sugli scogli e naturalmente il sapore del sale che accompagna ogni mio vagabondare per mare.

Dal profumo italiano ma non troppo, questa terra mi ha accolto con tutta la sua bellezza e col calore della sua gente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *